PON
Inserisci sottotitolo qui

10862 - FSE - Inclusione sociale e lotta al disagio-10.1.1A-FSEPON-LA-2017-266 Tutta un'altra scuola!

8 MODULI SVOLTI DAL 28 MAGGIO AL 21 DICEMBRE 2018 - 270 ORE TOTALI DI OFFERTA FORMATIVA EXTRASCOLASTICA

La scuola è intessuta da una fitta rete di relazioni, la cui qualità ne determina il clima. La relazione principale è certamente quella che lega l'insegnante agli alunni, che è caratterizzata da una grande asimmetria. Chi è adulto non può gestire in modo superficiale tale asimmetria, negandola per paura di un eccesso di autoritarismo; ma di contro non può interpretarla in chiave direttiva, intendendo il rapporto in modo unidirezionale e trasmissivo. Gli studenti non sono solo semplici destinatari di iniziative didattiche; è sbagliata l'idea che nell'aula vi sia da una parte chi sa (l'adulto) e dall'altra chi non sa, (l'alunno). La relazione è molto più complessa, ogni alunno è portatore di un proprio sapere ed ha già sviluppato un certo grado di competenza. Per l'adulto si tratta di entrare in relazione con questo sapere e con questa competenza, all'interno di una conversazione valorizzante. Ecco perchè per permettere a ciascuno di esprimere al meglio il proprio potenziale è necessario che nel lavoro di progettazione di attività extrascolastiche si tenga conto dello scarto tra le proprie intenzioni ed iniziative e gli apprendimenti che l'alunno realizza e ne faccia oggetto di riflessione. Costruire una "comunità di pratica", nel senso di lavorare condividendo una pratica, dove gli alunni imparano l'uno dall'altro, impegnati in un compito comune. Il lavorare insieme permette di condividere conoscenze, far emergere competenze, valorizzare l'apporto di ogni singolo perchè indispensabile al fine comune.